30ottobre

Future Proche: al via il corso di formazione manageriale in sanità

Il 19 e 20 ottobre 2018, nell’ambito del progetto “Futur Proche: sviluppo locale e servizi decentrati per la sostenibilità e la cittadinanza attiva in Tunisia”, si è svolta a Tunisi la prima sessione del corso di formazione nazionale di management in sanità che ha visto la partecipazione di 50 discenti che ricoprono gli incarichi di direttori e di coordinatori infermieristici degli ospedali regionali tunisini.

Il piano di formazione, che prevede un complessivo di 80 ore di formazione, è stato inaugurato dal Prof. Niccolò Persiani del Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica dell’Università di Firenze in qualità di coordinatore del corso in collaborazione con la dott.ssa Angela Brandi direttrice del dipartimento elle professioni sanitarie dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi. Il piano formativo intende fornire strumenti e tecniche propri del processo manageriale, prioritariamente riferiti alle aree di organizzazione e gestione dei servizi sanitari, agli indicatori di qualità dei servizi correlati alla sanità pubblica, alla gestione delle risorse umane, nonché ai criteri di finanziamento e agli elementi di bilancio e controllo. Il corso prevede la partecipazione di esperti italiani e tunisini provenienti da varie realtà locali e nazionali, nella consapevolezza che sia l’ambito nazionale sia quello locale possano dare un contributo d’innovazione al processo di riorganizzazione del sistema salute successivo alla attuazione di un processo di decentramento attualmente in atto in Tunisia.

La prima edizione del corso di formazione ha visto la partecipazione di: dott. Nicola Salerno, esperto di sistema di welfare e riforma e sostenibilità della finanza pubblica (www.reforming.it), che assieme alla Prof.ssa Nebiha Borsali Falfoul del Ministero della Salute tunisino hanno comparato la realtà tunisina con i diversi modelli attraverso cui possono essere finanziati ed erogati i servizi sanitari; dott.ssa Rossana Marilli dell’azienda ospedaliera universitaria di Careggi che – assieme alla Prof.ssa Olfa Bouyahia, direttrice dell’Istituto Superiore delle Scienze Infermieristiche – hanno affrontato l’evoluzione in atto della professione infermieristiche  in Italia ed in Tunisia.

Il progetto “Future Proche”, finanziato dalla Cooperazione Italiana allo Sviluppo e dalla Regione Toscana, ha come obiettivo quello di promuovere il decentramento e si concentra sulle tematiche della salute, della governance e dell’economia sociale e solidale. In particolare, l’iniziativa mira a fornire sostegno e formazione ai funzionari municipali, ai delegati delle istituzioni tunisine, al personale delle istituzioni sanitarie centrali e locali e alle associazioni locali selezionate in 5 governatorati della Tunisia: Grand Tunis, Kasserine, Sidi Bouzid, Tataouine e Jendouba. All’interno del progetto, il Centro di Salute Globale, in qualità di ente di coordinamento per la Regione Toscana delle iniziative di cooperazione sanitaria, è responsabile – in collaborazione con l’Associazione “Pontes” dei tunisini in Italia, la già citata Università di Firenze, l’ONG Cospe ed il Ministero della Salute tunisino – delle attività in ambito sanitario.

Oltre a quelli precedentemente citati, i partner del progetto sono: i comuni tunisini di Tunisi, Jendouba, Kasserine, Sidi Bouzid e Tataouine e quelli italiani di Capannori, Carrara e Firenze, ANCI Toscana, UNDP, la Federazione nazionale Città tunisine, la Direzione Regionale della sanità di Kasserine, l’Associazione Rayhana per le donne di Jendouba e l’Associazione ATIP di Sidi Bouzid.

Africa, cooperazione decentrata, cooperazione sanitaria internazionale, future proche, management sanità, migrazione e sviluppo, Pontes, Tunisia, Università di Firenze