06dicembre

Pubblicata la terza edizione degli orientamenti diagnostici e terapeutici in patologia di importazione

La comunità medica dei Paesi occidentali assiste, spesso impreparata, al progressivo aumento di condizioni di natura infettivologica prevalenti nei Paesi del sud del mondo e colpevolmente dimenticate nelle aule universitarie degli ultimi decenni. La aumentata mobilità umana, di natura migratoria ma anche connessa a motivazioni turistiche e lavorative, unitamente alla velocità degli spostamenti internazionali, condiziona il verificarsi delle manifestazioni cliniche di infezioni un tempo definite “esotiche o “tropicali” anche in aree temperate, favorito anche da modificazioni climatiche che possono favorire la diffusione degli areali degli eventuali vettori.
E’ in questo contesto che il volume “Orientamenti diagnostici e terapeutici in patologia di importazione” a cura del Gruppo di Interesse e Studio Patologie di Importazione (GISPI), edito dalla Società Italiana di Medicina Tropicale e Salute Globale giunge alla sua terza edizione.
Gli Orientamenti costituiscono il risultato dell’approfondito lavoro di analisi e di sintesi della letteratura internazionale da parte di Infettivologi e Microbiologi dei Centri di Malattie Infettive e Tropicali che partecipano al GISPI. Rispetto alle passate edizioni tutti i capitoli sono stati aggiornati o completamente riscritti con introduzione di ben 12 nuovi capitoli. Questi ultimi rispondono all’esigenza di avere strumenti interpretativi ed operativi da utilizzare al presentarsi di nuove epidemie che stanno scuotendo il nostro mondo ormai globalizzato.
Questo documento, pur non sostituendosi a linee guida o raccomandazioni ufficiali, può rappresentare un valido strumento di iniziale orientamento per il clinico che si trova ad operare nell’attuale contesto epidemiologico caratterizzato dalla sempre più rilevante presenza di patologie infettive emergenti autoctone e di importazione.

malattie neglette