16gennaio

Formarsi per Cooperare: Salute Globale e Co-Sviluppo, strumenti per lavorare in cooperazione sanitaria internazionale

L’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Firenze in data 4 Febbraio 2017 organizza – assieme al Centro di Salute Globale della Regione Toscana e a Madirò, Medici per lo Sviluppo, ONLUS e Engera Africa Caring People, ONLUS – il corso di formazione Formarsi per cooperare: Salute Globale e co-sviluppo, strumenti per lavorare in Cooperazione Sanitaria Internazionale”. Il corso di formazione si terrà in Via Giulio Cesare Vanini, 15 Firenze presso la sede dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Firenze. La frequenza al corso darà diritto alla acquisizione di n° 6 crediti ECM.

Il corso si propone l’obiettivo di fornire conoscenze sulla salute globale e le strategie per raggiungerla in qualsiasi contesto, da quello dei paesi a basso-medio reddito a quello delle popolazioni migranti nel contesto italiano. In particolare, il corso fornirà un approccio strategico, modalità e strumenti operativi nel lavoro sul campo in contesti diversi da quelle in cui si è abituati a lavorare in Italia.

La prima parte del corso sarà volta a fornire gli strumenti di conoscenza e di analisi della salute globale e il quadro epidemiologico delle popolazioni migranti in Toscana. La parte centrale del corso prevede unaparte pratica di presentazione e discussione interattiva di casi clinici in viaggiatori/migranti (patologie d’importazione) e in paesi a basso e medio reddito con l’obiettivo principale di permettere ai partecipanti di acquisire un metodo di lavoro che consenta di utilizzare nel modo più efficiente e rigoroso i dati anamnestici e clinici, e richiedere in modo mirato, quando necessario, gli esami di laboratorio e strumentali normalmente disponibili nei paesi tropicali. A conclusione del corso saranno infine presentate le esperienze dal campo di progetti di cooperazione sanitaria internazionale in Etiopia, Burkina Faso e Tunisia.

La necessità di approfondire tali tematiche nasce dalle numerose sfide che si trovano ad affrontare gli operatori sanitari disposti ad impegnarsi nei progetti di cooperazione sanitaria internazionale e per la salute delle popolazioni migranti. Infatti, barriere culturali e linguistiche, difficoltà di accesso alle cure, assieme alla scarsità di risorse a disposizione – da quelle umane a quelle per la diagnosi e cura – sono solo alcuni degli ostacoli che mettono a dura prova la volontà degli operatori sanitari. L’obiettivo del corso, in definitiva, sarà proprio quello di fornire agli operatori sanitari conoscenze e strumenti per affrontare tali sfide e fornire una risposta più qualificata alla domanda di salute di tali popolazioni.

cooperazione sanitaria internazionale, formazione, malattie neglette, salute migranti