27ottobre

Nuovi e vecchi poveri, l’accesso alle cure al tempo del Covid-19

Giovedì 22 ottobre a Firenze si è tenuto l’evento “Nuovi e vecchi poveri, l’accesso alle cure al tempo del Covid-19”, organizzato da Medici con l’Africa Cuamm, in collaborazione con il Centro di Salute Globale.

Durante l’evento si è posto l’accento su come la pandemia abbia fatto emergere nuove povertà, sia in Italia che in Africa, e di come le diseguaglianze economiche e sociali abbiano un forte impatto sull’accesso alle cure. La questione è particolarmente attuale nel contesto in cui viviamo, difatti la Banca Mondiale stima che nel 2020 ci saranno circa 100 milioni di nuovi poveri e 50 milioni di questi saranno in Africa. E’ evidente che povertà e malattia sono strettamente collegate, le fasce più svantaggiate della popolazione, oltre ad aver un minor accesso alle cure, sono spesso escluse dai programmi di prevenzione.  Questi e molti altri i temi sono stati al centro del dibattito che è stato moderato da Agnese Pini, direttore de La Nazione, e ha visto la partecipazione di: Maria Federica Giuliani, Vice-presidente del Consiglio comunale di Firenze; Don Dante Carraro, Direttore di Medici con l’Africa Cuamm; Maria José Caldes, Direttrice Centro di Salute Globale della Regione Toscana; Gavino Maciocco, Docente di Politica sanitaria presso l’Università di Firenze e medico Cuamm; Maria Nannini, Ricercatrice dell’Università di Firenze; Giovanni Putoto, Responsabile della Programmazione e della Ricerca operativa di Medici con l’Africa Cuamm.

Al seguente link è disponibile la registrazione dell’evento:

http://www.carpediemrovigo.it/CUAMM22-10-2020FI.mp4

accesso alle cure, Consiglio comunale di Firenze, covid-19, disuguaglianze, Medici con l’Africa Cuamm, povertà, Università di Firenze