29gennaio

Rafforzamento dell’assistenza sanitaria di base nel comune di Vau i Dejes in Albania: concluso il secondo modulo formativo

Nelle giornate 24 e 25 gennaio scorsi presso la sede del Comune di Vau i Dejes si è svolto il secondo modulo del programma di formazione previsto nell’ambito del progetto “Reinforcing Primary Health Care in Vau i Dejës Municipality (PHCINVID)” finanziato dal Programma Italo-Albanese di Conversione del Debito (IADSA). La formazione – che ha visto come docenti le dottoresse Nadia Assanta e Dorela Haxhiademi della Fondazione Toscana “G. Monasterio” – ha avuto come oggetto le tecniche di base a supporto delle funzioni vitali nell’adulto e nel bambino (Basic Life Support) per affrontare una situazione d’emergenza attraverso l’uso del defibrillatore secondo quanto previsto dalle raccomandazioni internazionali, al fine di stabilizzare il paziente ed eventualmente riferirlo all’ospedale di riferimento. Al corso hanno preso parte 20 discenti tra medici, assistenti sociali ed infermieri delle strutture sanitarie dell’area.

Il progetto “Reinforcing Primary Health Care in Vau i Dejës Municipality” – che vede come capofila il Comune di Vau i Dejes e come partner tecnici la Regione Toscana ed il Ministero della Salute albanese – ha come obiettivo la costruzione e l’equipaggiamento di un poliambulatorio, oltre che la formazione del personale sanitario afferente alla struttura. La Toscana ritorna a Vau Dejës, piccolo comune albanese di 11.000 abitanti nei dintorni di Scutari, dopo 20 anni. L’attuale struttura sanitaria, di circa 150 mq capace di ospitare dai 6 agli 8 posti letto ed in cui lavorano 28 medici ed infermieri, fu donata nel 1997 dalla Regione Toscana, dalla provincia di Firenze e dall’ospedale Meyer e rappresenta oggi come ieri, l’unica struttura di primo soccorso 24 ore su 24. La Regione Toscana, attraverso le competenze presenti all’interno del proprio servizio sanitario regionale, fornirà l’assistenza tecnica finalizzata alla progettazione della infrastruttura, la supervisione della sua realizzazione, la scelta dell’equipaggiamento sanitario e la formazione del personale.

Albania, Emergenza Urgenza, Fondazione Monasterio, phcinvid, primo soccorso, vau i dejes